Lele Usai: una passione che ritrovi nel piatto…

Per andare a cena da Lele Usai, a Fiumicino, devi essere pronto a lasciarti sorprendere.
Quella di Lele è una cucina che non puoi ripagare con indifferenza. Men che meno quando ti passa davanti il suo “giardino iodato” bello da vedere e pronto ad esploderti in bocca.

Ma devi lasciarti anche sorprendere da scelte coraggiose e inconsuete, come ad esempio l’uso della tracina (pesce da me sempre temuto per la sua fastidiosissima spina irritante…) o per abbinamenti tra arzilla e peperone, o semplicemente per un uso spavaldo ma equilibrato, di sapori forti quali aglio, riccio di mare o bottarga.

Una doppia anima quella di Lele. Un approccio gourmet ne “il Tino” e più “pop”, come ama definirla lui stesso, e tradizionale quello del Bistrot 4112 che si trova al piano terra. Una cucina che ha in comune un legame molto forte con il territorio e con un mare che Lele ha imparato a conoscere sempre meglio, lavorando materie prime di qualità e tipologie di pesce solitamente poco utilizzate.

Un mare che merita rispetto e attenzione. Quella che Lele riserva alla sostenibilità ambientale, mantenendo alto il suo impegno nei confronti di quel mare che, in fondo, è la sua passione.

www.ristoranteiltino.com

Facebook
Telegram
Pinterest
WhatsApp
Email
Redazione

Redazione

Sallier de La Tour

Una panchina. Ecco perché Costanza Chirivino voleva a tutti i costi portarci, in una giornata calda

Il Collio di Komjanc

Komjanc è una azienda la cui produzione di vino nel Collio risale già dalla fine dell’800

Camporeale Days 2022

Vieni a Camporeale Days 2022? Ma si, oddio, ma dov’è Camporeale? Sicilia occidentale, però verso il

I numeri di Wining

Siamo partiti lentamente, ma la costanza ha caratterizzato il nostro percorso. Sempre armati di notebook, telecamere

Leggi anche...