taurasi-1La rassegna dei nuovi Taurasi 2008, organizzata e promossa dall’agenzia di comunicazione integrata Miriade & Partners, ha fatto conoscere a tutti gli addetti ai lavori (e non solo a loro) uno studio inedito e di grande interesse per tutti gli appassionati di questo importante rosso: per la prima volta la degustazione è stata organizzata dividendo i vini per macro-aree di provenienza dei vigneti e delle uve.
E’ stato evidenziato come il territorio della Docg Taurasi sia in gran parte di origine marina o continentale, con piccole zone delimitate di chiara provenienza vulcanica.
La tipologia dei terreni è distinguibile in tre grandi gruppi: calcareo-marnosi-argillosi; sabbioso-argillosi/calcareo argillosi; marnoso–argillosi/calcareo dolomitici (ricchi di magnesio). Quello che in letteratura è denominato “Bacino Irpino” risale al periodo del Miocene. Le macro-aree identificate dalla ricerca sono quattro così suddivise con rispettive caratteristiche dei terreni:

Quattro zone, 17 comuni

Il versante Nord (Venticano, Pietradefusi, Torre Le Nocelle) ha un’altitudine media di 300-350 metri con pendenze contenute. Il suolo è a medio impasto. La maturazione completa delle uve avviene a metà di ottobre.

La Valle Centrale comprende i comuni di Taurasi, Mirabella Eclano, Bonito, Fontanarosa, Luogosano, Sant’Angelo all’Esca. Altezza 400-450 metri sul livello del mare con pendenze leggeri e terreni anche in altopiani. Il suolo è argilloso calcareo con presenza di ceneri vulcaniche. La maturazione è a fine ottobre, inizio novembre.
In particolare, il territorio del comune di Taurasi è diviso in quattro grandi pianori con ricca presenza di ceneri vulcaniche.

Versante Ovest. Include i comuni di Lapio, Montefalcione, Montemiletto, San mango sul Calore. Altitudine media 400 metri, grandi pendenze e maturazione a fine ottobre, primi di novembre. Terreni argillosi.

Versante Sud Est. Interessa i comuni di Montemarano, Paternopoli, Castelfranci e Castelvetere sul Calore. Sono i più alti, dai 500 ai 650 metri e godono di un terroir differenti con maggiori piovosità ed escursioni termiche. Terreni argilloso-calcarei, maturazione più lenta, in novembre.

In più è stata identificata una quinta macro-area, quella degli assemblaggi di uve provenienti da due o più aree diverse.

Tuttavia le quattro macro-aree le aree non risultano, poi, ben distinguibili nella degustazione dei vini. L’unica area che si riesce ad individuare con più facilità è quella cosiddetta dell’Alta Valle (tra Paternopoli e Castelfranci), dove l’altitudine dona ai vini una certa finezza, carattere ben determinato, con mineralità in evidenza, bella intensità di profumi e tannini decisi, ma di gran razza. Vedi anche l’articolo di Maura Sarno nella sezione Tasting

Tutti i numeri e le aziende partecipanti a Taurasi Vendemmia 2008

Vini in degustazione: 61
Aziende presenti: 36 (con uno o al massimo due vini)
Annate 2008 e diverse Riserve 2007 e 2006, anche Irpinia Igt
al massimo due vini per azienda.
Giornalisti accreditati: 40

Elenco aziende che hanno partecipato a Taurasi Vendemmia 2008

Amarano (Montemarano),
Antico Castello (San Mango sul Calore)
Boccella (Castelfranci)
Cantina Giardino (Ariano Irpino)
Colli di Castelfranci (Castelfranci)
Colli di Lapio (Lapio)
Contrada Vini (Candida)
Contrade di Taurasi (Taurasi)
Di Marzo (Tufo)
Di Meo (Salza Irpina)
Di Prisco (Fontanarosa)
Donnachiara (Montefalcione)
Ferrara Benito (Tufo)
Feudi di San Gregorio (Sorbo Serpico)
Guastaferro (Taurasi)
I Capitani (Torre le Nocelle)
I Favati (Cesinali)
Il Cancelliere (Montemarano)
La Molara (Luogosano)
Mastroberardino (Atripalda)
Molettieri Salvatore (Montemarano)
Montesole (Montefusco)
Nativ (Grottolella)
Perillo (Castelfranci)
Pietracupa (Montefredane)
Rocca del Principe (Lapio)
Sanpaolo (Torrioni)
Sella delle Spine (Taurasi)
Tecce (Paternopoli)
Tenuta Cavalier Pepe (Luogosano)
Tenuta Ponte (Luogosano)
Terredora (Montefusco)
Fratelli Urciuolo (Forino)
Vigna Villae (Taurasi)
Villa Matilde (Altavilla – Cellole – CE)
Villa Raiano (San Michele di Serino)