(U.G.) Con questo articolo Wining inaugura la sezione Around (cioé tutto ciò che gira attorno al vino e ai suoi derivati: e cosa c’è di meglio delle grappe?). Voglio perciò cominciare dal tipico, piccolo e originale. La distilleria San Carlo, di Celle Enomondo nell’Astigiano e probabilmente la più piccola distilleria d’Italia. La produzione di grappe è molto limitata (solo quattromila bottiglie) perché la filosofia di Stefania Valsania e del marito Giancarlo Topino, mastro distillatore, è quella di far conoscere il vero sapore della grappa prodotta da vinacce selezionate da piccoli produttori locali senza l’aggiunta di coloranti, aromi e zuccheri. Ottengono così distillati molto curati in tutte le fasi della lavorazione: dalla selezione della materia prima all’imbottigliamento (fatto rigorosamente a mano). Le grappe sono destinate non solo ad intenditori o estimatori, ma anche a tutti coloro che hanno la curiosità di sorseggiare un reale “pezzo di tradizione” piemontese, la cui testimonianza è stata tramandata di generazione in generazione. distilleria sancarlow
I produttori hanno voluto rivalutare il vecchio rito della distillazione piemontese in piccoli alambicchi di rame, “a bagnomaria” e “doppio ripasso” (unico  caso in tutta la regione) ormai in disuso. Le vinacce sono sottoposte ai trattamenti tipici di tanto tempo fa. Solo così si possono conservare ed esaltare quei profumi naturali che sono stati “catturati” nel contatto con le bucce e il mosto dei vitigni originali. Il risultato è un prodotto integralmente naturale.
Le grappe San Carlo hanno queste caratteristiche principali: sono a basso impatto ambientale (la distilleria si trova in aperta campagna); sono prodotte nel rispetto assoluto per la natura e per i suoi quattro elementi (acqua, aria, terra, fuoco); hanno la scrittura in caratteri braille sul vetro della bottiglia. E ne aggiungo un’altra: l’eccellente qualità dei risultati ottenuti.
Bellissime le etichette in cui campeggia l’elfo, simbolo prescelto dalla distilleria a voler indicare il rispetto per la natura. Una scelta di packaging dallo stile “naif” particolarmente azzeccato.

 

Ho avuto l’opportunità di assaggiare le due grappe finora prodotte dalla San Carlo. A conclusione della campagna di distillazione 2012 la gentilissima Stefania mi ha comunicato che la gamma dei prodotti si è arricchita di altre due grappe monovitigno: ci sono ora quelle di Brachetto e di Moscato. L’azienda ha inoltre acquistato tre barrique di legni diversi per ampliare l’offerta con grappe affinate. Ecco il tasting delle due grappe.

Mijson 
E’ una grappa ottenuta da un blend selezionato di vinacce dei vitigni a bacca rossa (Nebbiolo, Dolcetto, Barbera) più importanti di Langa, Roero e Monferrato provenienti dai produttori della zona. Duemila bottiglie costituiscono la ridotta produzione dell’annata 2010. 42 % alcol.
Impressioni di degustazione. E’ una grappa giovane, trasparente, limpida, incolore. Il profumo è intenso e persistente già a bicchiere fermo, poi si esprime su delicate tonalità floreali di rosa e di erba tagliata. Al gusto è morbida, rotonda, fine, di buona persistenza. La componente alcolica risulta ben integrata. Un distillato che mette facilmente di buon umore!
SunVera 
Questa grappa è ottenuta da un’accurata selezione di vinacce di vitigno Nebbiolo provenienti da piccoli produttori della zona e distillate artigianalmente con un piccolo alambicco a bagnomaria piemontese. L’annata 2010 è stata prodotta in 2000 bottiglie. 45 % alcol.
Impressioni di degustazione. E’ un distillato giovane, trasparente, limpido, incolore. Profumo di muschio, mora e rosa canina. In bocca è intensa, fine, molto lunga, con un retrogusto di mandorla. L’alcol è ben lavorato e integrato. Una vera “chicca” da fine pasto o, più idealmente, per meditare sulla giornata appena trascorsa.

DSC 2834In conclusione due ottimi prodotti, fuori dal coro e dalla generalizzazione industriale. Due distillati veri, originali, naturali, nel segno della tradizione più pura. Gusto più immediato per la Mijson; personalità, carattere ed eleganza per la SunVera. Ci auguriamo che la scelta aziendale di produrre anche grappe barricate mantenga comunque questa piccola realtà dell’astigiano sempre nel solco della tradizione e dell’originalità. Auguri sinceri! 

Contatto e-mail: distilleriasancarlo@libero.it
Distilleria San Carlo, strada Morandino 5/b – Celle Enomondo (Asti) – Tel. 0141 205049  

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

A proposito dell'autore

Umberto Gambino

Lo scrivo subito, tanto per non generare equivoci: non mi piace improvvisare. Sono sempre uno che dà il massimo in tutti i campi. Prima di tutto adoro il mio lavoro di giornalista: si può dire che sia nato con questa idea fissa. Non ho mai voluto fare altro nella vita. Però di cose ne seguo parecchie contemporaneamente: potrei definirmi un esempio anomalo di uomo "multitasking". Dopo una trentina d'anni da cronista sul campo, sono attualmente caposervizio del Tg2 Rai. Sul versante enologico, sono sommelier Master Class dell'Ais e coordinatore della guida Vinibuoni d'Italia Touring. Si può ben dire che il mondo del vino è il mio ambiente naturale, e non poteva essere altrimenti, in quanto figlio e nipote di viticoltori siciliani. E' anche in loro onore, per ricordare sempre le mie radici, la mia terra natìa, gli odori e i sapori di quando ero bambino, che mi sono inventato - con l'amico webmaster, Maurizio Gabriele - il massimo della "digital creativity": una formula inedita per un web magazine di reportage in stile blog sull'enogastronomia: www.wining.it che state leggendo. In più sono anche un ottimo fotografo. Può bastare?

Post correlati