di Fabrizia Dalpiaz
Finalmente è arrivato il gran giorno! Felicissima di poter essere qui a festeggiare con Antonio e Roberta Stelzer e le due figlie Alessandra e Maddalena questo importantissimo traguardo. Sono un po’ in anticipo, quindi decido di fare un giro fra i vigneti. Eccoli, ai piedi del monte Calisio, sulle colline calcaree di Martignano a circa 450 metri di altitudine. 02-02 1 vigneti Chardonnay

Immersa nel verde dello Chardonnay decido di salire fino alla sorgente d’acqua: il papà di Roberta mi ha detto che non è molto distante e posso arrivarci anche con i tacchi. E’ bellissima e freschissima!03-03 Sorgente

La brezza dell’Ora del Garda mi accompagna mentre osservo i vari vigneti che dal 1986 occupano circa 12 ettari e sono coltivati in prevalenza a Chardonnay, Pinot Nero e Pinot Meunier. La cantina viene acquisita negli anni ottanta. Nel 1990 avviene la prima vendemmia e Roberta ed Antonio decidono di dedicarsi fin dal principio quasi completamente alla produzione di Spumante Metodo Classico. L’esperienza è poca ma la passione e l’amore di produrre uno spumante  di qualità è tanta!

Il riconoscimento della Trentodoc avverrà solo nel 1993 ma Antonio e Roberta si portano avanti e producono i propri spumanti con grande amore, passione e usando tutte le energie necessarie. Seguendo i preziosi consigli dell’enotecnico Matteo Ferrari, guardano al territorio con grande rispetto e nel 2013 ottengono la certificazione Biologica ICEA sia per il vigneto che per la cantina. I riconoscimenti per il loro impegno non tardano ad arrivare e le più importanti ed autorevoli guide italiane premiano i loro prodotti.

Questa sera avremo modo di accompagnare l’aperitivo e la cena con i loro fantastici spumanti. Tutto è pronto: i calici sui tavoli, le bottiglie nel ghiaccio…mancano i festeggiati, ma dove sono finiti? Vedo Roberta, raggiante ed emozionata. Mi viene incontro, mi abbraccia e mi bacia: mi avvolge con la sua esuberanza e con il suo splendido sorriso!
” Attenzione…attenzione, chi vi parla è lo chef Cristiano Tomei del ristorante l’Imbuto di Lucca”. 09-09 Chef Cristiano Tomei

Tutti i presenti si girano verso di lui, che munito di megafono ci illustra il primo finger della serata Panino con nervetti di vitello, fagioli e salsa con le erbe di Maddalena. Sarà abbinato allo spumante Pinot Meunier vendemmia 2010 appositamente imbottigliato per i festeggiamenti dei 25 anni. Colore rosa tenue, mostra un perlage molto sottile, fine e continuo, un naso intenso e aperto, puro, di grande fragranza, con note di agrumi, fiori bianchi e frutta fresca, lascia la bocca molto pulita e pronta ad addentare questo sfizioso panino imbottito! 11-11 Pinot Meunier

Tutti i calici si levano per un brindisi insieme a Roberta, Antonio, Alessandra e Maddalena. Dopo i saluti e i ringraziamenti, Roberta ci invita a seguire il percorso fotografico pensato dalla figlia Alessandra che racconta le varie tappe della storia della Cantina.

14-14 Foto storiche

Ma cosa succede ora? L’artista Paolo Vivian consegna alla famiglia Stelzer la sua opera dal titolo: “Galassia Martis” . La descrive così: “Su fondo di Botte Tonneau posiziono la struttura in acciaio Cor-Ten nelle misure della sezione aurea, cubi di legno a rappresentare le memorie, sfere di porcellana, colore. Il nome deriva da un pensiero al pianeta Marte e ricavo i colori della bandiera marziana utilizzando: ossido di ferro, rosso, verde e blu. Si avvicinano forse per caso, o forse no ai colori scelti nelle etichette di Maso Martis fucsia, verde chiaro e blu?”. 

A lato ci sono una catasta di memorie chiare che sono quelle di quando Antonio e Roberta, prima di iniziare l’avventura Martis, immaginavano e discutevano fra loro. Dalla struttura della sezione aurea, come in natura, si intravede la chiocciola. Si sviluppa una spirale che sposto sopra sul fondo blu e in 25 cubi/memorie si avvolge in un impero di energia vitale, accompagnata da un’esplosione di bollicine di porcellana. “Il senso di tutto ciò e che Antonio e Roberta, per realizzare il loro progetto, devono aver messo energie, risorse e convinzione in dosi perfette come perfetta è la natura”, spiega Vivian.06-06 Opera di Paolo Vivian07-07 Paolo Vivian spiega la sua opera

A questo punto seguiamo Roberta, per la visita alla cantina e successivamente Maddalena, per la visita all’Orto Sinergico che cura personalmente sotto la guida dell’agronomo filosofo Stefano Delugan. Che piacevole frescura in cantina, quante bottiglie! Qui resto affascinata da quelle storiche, tutte ricoperte di polvere una accanto all’altra! Raccontano il passato, i sogni, le speranze, la tenacia, i sacrifici, l’amore e la passione con cui sono state create!

Ora il percorso ci porta in mezzo alle vigne e qui degusteremo Magnum Maso Martis Dosaggio Zero 2009: giallo paglierino, brillante e vivace con un perlage fine ed elegante, fragranze floreali ed agrumate, deciso e robusto con un finale minerale ed una leggera nota di salinità, perfetto per gli entrè dello chef Tomei: il primo a base di alici, gelo di acqua di mare e lisca fritta ed il secondo: sfoglia di mais, ricotta alle erbe e salmerino affumicato.
E’ giunto il momento di mettersi a tavola. Impossibile confondersi, ad ognuno di noi è stata data una capsula di spumante con il colore relativo al settore dove sedersi. Io ho il Blu…Madame Martis, perfetto!
Ho appena scambiato due parole con Antonio, che è di una grande simpatia e schiettezza: quanto mi piacciono le persone così! E così sono i vini che producono, schietti, sinceri!

Evviva, un altro brindisi, questa volta sarà protagonista la Magnum Brut Rosè 2010: meraviglioso rosa intenso, profumi di piccoli frutti di bosco, ribes e lamponi, grande eleganza e freschezza, perlage fine e persistente, grande piacevolezza e un’elegante nota di sapidità. 21-21

Lo chef annuncia: stracciatella di burrata, rana pescatrice marinata appoggiata sulla brace, spalla di maiale cotta al forno, a seguire: riso al Brut Rosè, mirtilli della Garfagnana e uova di trota salmonata. Noto un certo scompiglio, le luci si accendono ed improvvisamente in mezzo al vigneto, dietro due leggii, appaiono gli attori Maura Pettorusso e Stefano Detassis. In modo simpatico ed ironico 20-20 Attori in scenaraccontano la storia d’amore tra Roberta ed Antonio…e tra un sorriso ed un calice, l’atmosfera si fa più intima, le nuvole si tingono di rosa, appaiono le prime stelle ed un leggero venticello ci accarezza.

Magnum Brut Rosè è abbinato anche ai ravioli ripieni di olio extravergine e parmigiano, serviti con seppie e polvere di cavolo nero. In accompagnamento al coniglio marinato, maionese di coniglio e melone ecco la Magnum Brut Riserva 2007 (mai prodotto prima e quindi al suo debutto nella versione Magnum): colore paglierino, profumi intensi e grande corpo anche perchè matura sui lieviti per almeno quattro anni, fine e persistente perlage.
Ora fa il suo ingresso Madame Martis 2005, miglior vino Bibenda 2015 realizzato con le migliori uve di Pinot Nero, Chardonnay e Pinot Meunier. Fantastico bouquet di grande armonia e carattere, colore giallo oro, fine e persistente perlage, perfetto per accompagnare la corteccia di pino marittimo, carne di manzo garfagnino stracciata e il proprio grasso tostato in padella e chips di bucce di patate che lo chef Cristiano ci invita a mangiare con le mani…che goduria!23-23 Madame Martis 2005

A concludere l’agnello, con crema di melanzana e liquirizia. Ci sono, ci sono e sono ancora sobria, tranquilli…sono in attesa dei dolci.

Ultima degustazione con la Magnum Demi-sec SA  colore giallo paglierino scarico, profumi floreali, grande freschezza con una piacevole ed elegante nota dolce supportata da una grande sapidità che esalta la tartelletta con farina di mandorle, Frutti rossi e composta di pomodoro.

Ultimi brindisi, calorosi abbracci e saluti a tutti, ma in particolare stringo forte forte Roberta e Antonio che con la loro simpatia ed energia ci hanno regalato momenti di grande emozione questa sera, anche attraverso i loro strepitosi vini spumanti. La tavole sono ricoperte di bicchieri, lentamente la notte è scesa e con essa anche qualche timida gocciolina, come a volerci accarezzare senza disturbare…mi guardo intorno e vedo volti sereni, felici. Ricorderò per sempre questo magnifico compleanno, perfettamente organizzato, unico nel suo genere, brioso, elegante e magico con le sue atmosfere e i suoi profumi di vigna!

www.masomartis.it
www.paolovivian.it
www.trotaoro.it
www.limbuto.it

Invalid Displayed Gallery