di Umberto Gambino
Ormai è arcinoto: la Sicilia enologica è un vero e proprio continente per le sue diversità del microclima, dei territori, delle aree e delle Doc molto diverse fra loro, per le differenti epoche di vendemmia (che va da fine luglio a inizio novembre), per i vini che si differenziano anche notevolmente fra le diverse zone dell’isola. Per esempio: un vitigno Grillo del territorio di Agrigento sarà molto diverso nel calice da un suo “cugino” trapanese. Nel mio personale “Giro dell’Isola”, eseguito nel corso della 13esima edizione di Sicilia en primeur, perfettamente organizzata da Assovini Sicilia, tra assaggi con i sommelier e direttamente dai produttori (fra enotour e banchi d’assaggio al “Verdura Resort” di Sciacca), spicca però “un’isola nell’isola”. E’ l’area dell’Etna che già da almeno sei anni continua a eruttare (metaforicamente) vini davvero eccellenti. Nella torta dei miei “Top 20”, ben 10 fette sono etnee. Immagino già le obiezioni di chi legge questo Blog: “Ma l’Etna non rappresenta i vini siciliani!”. Verissimo, ma l’Etna piace e continua a piacere: è un territorio enologico con una marcia in più, è un “brand” ben definito e circoscritto che richiama l’immagine stessa della Sicilia e soprattutto si sa perfettamente dov’è (per altri importanti distretti del vino italiano non è esattamente così) . L’Etna del vino piace in maniera direi maniacale soprattutto ai giornalisti specializzati della stampa estera, agli americani, agli orientali. Piace, continua a piacere. Prima o poi il momento d’oro potrebbe finire, ma – questo è certo, tuttora siamo ancora nella fase ascendente della curva di gradimento per i vini etnei e i produttori fanno benissimo a sfruttarla. Anzi: è certo l’interesse di altri imprenditori (non solo vinicoli) del Nord a voler ricercare ed acquistare quei pochi ettari di vigneto ancora disponibili alle pendici del vulcano.14-20160423_104948

Ecco perciò la Top List dei 20 assaggi migliori a #SiciliaEP16  

Minerale e avvolgente
Graci – Etna Bianco 2015 (Carricante 70%, Catarratto 30%)
Nonostante l’evidente gioventù, appare già pronto e dinamico con le sue note molto minerali, quasi di pietra focaia. Dal calice alla bocca scorre avvolgente, fresco, sapido, lungo e con bel finale agrumato.

Giovane e salino
Cottanera – Etna Bianco Contrada Calderara 2014 (Carricante)
E’ già con tutti i connotati a posto questo bianco etneo dal naso piacevole, punteggiato da spezie aromatiche e tinte calde e tropicali che si risolvono in un sorso davvero fresco, intenso, lungo e, soprattutto, molto salino.

Sferzata di agrumi
Cusumano – Alta Mora Etna Bianco 2014 (Carricante)
Giallo paglierino quasi dorato nel calice, sprizza mineralità da tutti i pori, ondeggiando fra zafferano, fiori di zagara e liquirizia. Bel gusto rotondo, morbido, progressivo, che fluisce sapido e chiude con un bel finale di cedro e menta. Le uve da cui si ricava il vino provengono da due opposti versanti del vulcano: contrada Priano a Milo (zona Sud) e Verzella a Castiglione di Sicilia (Nord).

Il Riesling del Sud
Firriato – Cavanera Ripa di Scorciavacca Etna Bianco 2014 (Carricante, Catarratto)
E’ il classico bianco etneo che spicca per le sue note di idrocarburo, quasi fosse un Riesling del Sud, ma non solo: profuma anche di frutta esotica e mandarino. Al palato si mostra selvaggio, prorompente, sapidissimo e ricco di freschezza. Bel retrogusto minerale e chiusura lunga e appagante.

Autoctono e burroso
Gulfi – Carjcanti 2012 (Carricante 95%, Albanello 5%)
Si apre su bei profumi evoluti di cioccolato bianco, vaniglia e un po’ boisè. Evidente ma piacevole l’uso del legno ben fuso col frutto. Si affaccia in bocca piacevolmente morbido, fresco, sapido, intenso, ben equilibrato.

Chardonnay alla francese
Donnafugata – Chiarandà 2012 (Chardonnay)
Sempre eccelsa l’interpretazione di questo vitigno internazionale da parte di Donnafugata che lo ha molto tipicizzato nel territorio: un po’ alla francese, ma molto alla siciliana. Al naso c’è burro fuso, ma ci sono anche spezie (timo, salvia, pepe bianco) ben mixate con vaniglia e liquirizia su un gradevole sfondo balsamico. Il sorso fluisce pieno, avvolgente, morbido, evidenziando il frutto e un retrogusto di salvia e menta.

Chardonnay di collina
Fazio – Chardonnay 2015
Lo Chardonnay coltivato a Erice profuma di prati freschi, erba tagliata, agrumi come mandarino e arancia tarocco,  fiori bianchi come i gelsomini. In bocca fluisce fresco, sapido, senza spigoli, ben concentrato e piacevolissimo da bere. Persistente con il suo bel finale di cedro vivo.

Il Grillo iodato
Tasca d’Almerita – Mozia 2015 (Grillo)
Eccellente e suadente esempio di Grillo, dai profumi balsamici, iodati, minerali, di caramella alla liquirizia e pesca gialla. Gusto intenso, sapido al punto giusto, fine, già pronto, di buon equilibrio. Un bel bere.

Fiano tropicale
Planeta – Cometa 2015 (Fiano)
E’ la “prova provata” che il Fiano si ambientato davvero bene in alcune terre di Sicilia (vigneti di Gurra e Dispensa nel territorio di Menfi). Si apre dal calice su note di pompelmo rosa, ananas, timo e salvia, poi di pepe bianco. Al sorso fluisce morbidissimo, intenso, vivace, mostrando sapidità e freschezza. Lungo e appagante. Non più una sorpresa, anzi una certezza costante negli anni.23-20160423_115559

Puro e vivace
Cusumano – Alta Mora Etna Rosso 2014 (Nerello Mascalese)
Svela profumi profondi, fini, anche evoluti che oscillano tra la frutta rossa fresca, il tabacco da pipa e il cioccolato fondente. In bocca si presenta impetuoso, largo, sapido, con grande freschezza e un tannino vivo, setoso. Lungo e nervoso. Le uve sono coltivate nei vigneti di Castiglione di Sicilia (contrade Verzella, Pietramarina e Feudo di Mezzo).

Minerale al 100%
Duca di Salaparuta – Lavico 2012 (Nerello Mascalese)
L’ennesima conferma per questo rosso etneo al di fuori dalla Doc, ma sempre molto buono. Sa di tante buone cose: spezie scure, fiori, frutta rossa fresca, rosmarino, molto minerale. Al gusto è immediato, fresco, rotondo, con un bel tannino fine. Lungo e minerale nel finale. Dalle vigne di Vajasindi.

Esplosivo e grintoso
Firriato – Etna Rosso Cavanera Rovo delle Coturnie 2012 (Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio)
Al naso è un’esplosione di profumi: incenso, spezie aromatiche, alloro, pepe nero, su sfondo balsamico. Bocca verticale, fine, ampia, che esalta un ottimo tannino e la chiusura nettamente minerale. Davvero grintoso, caldo, con stile.

Austero e Top
Tenuta di Fessina – Il Musmeci Etna Rosso Riserva 2011 (Nerello Mascalese 80%, Nerello Cappuccio 20%)
Il terroir di Rovittello (versante Nord del vulcano) è uno dei migliori per i rossi etnei. Rosso rubino scarico nel calice, esprime sentori fra l’aromatico, il minerale, la frutta rossa in confettura, in un bouquet elegante, che diffonde anche fiori di violetta e una delicata nota smaltata. Al palato si mostra vivo, fine, non invadente, minerale, dai tannini setosi. Un rosso gradevolissimo e di piacevole bevibilità. Il migliore del blocco etneo in assoluto.

Cerasuolo bio verace
Arianna Occhipinti – SP 68 Rosso 2015 (Frappato 70%, Nero d’Avola 30%)
Al naso è fine, non immediato, poi pian piano escono fuori il pepe nero, la ciliegia, l’impronta balsamica. Al palato è progressivo, verticale, molto sapido e di buona persistenza. Retrogusto speziato. Scuro, genuino e selvaggio come la vignaiola.

Cerasuolo “American Style”
Valle dell’Acate – Cerasuolo di Vittoria Docg Classico 2013 (Nero d’Avola 60%, Frappato 40%)
Si apre su un bel bouquet di spezie (pepe nero, chiodi di garofano, ginepro) e more fresche il Cerasuolo di Gaetana Jacono e Francesco Ferreri. Sensazioni immediate e profumi piacevoli che accompagnano un gusto vellutato, easy (molto American Style), finissimo, di estrema eleganza e giusta persistenza.

Il  “new style” della Doc delle Quattro Enne
Le Casematte – Faro 2014 2014 (Nerello Mascalese 55%, Nerello Cappuccio 25%, Nocera 10%, Nero d’Avola 10%)
La Doc messinese delle “quattro enne” ha trovato un altro bravo alfiere nella coraggiosa “mezza dozzina” di produttori di questa piccola Doc che rischiava di scomparire. Lui è Gianfranco Sabbatino, viticoltore del luogo che condivide la proprietà aziendale con il calciatore della Juventus, Andrea Barzagli. L’annata 2012 si presenta con sentori di frutta rossa fresca, violetta e spezie scure su sfondo balsamico. La bocca è verticale, rotonda, vellutata nel tannino, intensa ma finissima. Si affina in botti  da 500 e 1000 litri non nuove. Nel vino, riuscito e molto tipico, si avverte la mano sapiente di Carlo Ferrini.

Il tocco gentile del Nocera
Tenuta Gatti – Mamertino Curpanè 2011 (Nero d’Avola 70%, Nocera 30%)
Al naso prevalgono le tinte balsamiche, i piccoli frutti di bosco, le note resinose e smaltate. Al palato scivola intenso, fresco, con buona sapidità e tannino setoso. Bel retrogusto di mora scura. Il Nero d’avola dà struttura, il Nocera porta gli aromi. Territoriale e vivace. Bravo l’enologo toscano Emiliano Falsini di cui il viticoltore Nicolas Gatti Russo si avvale in quel di Librizzi. Assaggiato anche il 2010 che è sembrato più brusco e decisamente più tannico, ma comunque di buona foggia.

Dolce ma non troppo
Barone Sergio – Kaluri 2007 (Moscato di Canelli) Igt Sicilia
Bel naso fresco di albicocca a cui seguono sensazioni smaltate e poi chiodi di garofano, iodio e miele di acacia. Al gusto è intenso, fresco, dolce ma non troppo, rotondo, chiude su una deliziosa nota di frutta fresca. Matura per il 50% in acciaio e per l’altro 50% in botti di rovere. Poi affinamento per 6 mesi in bottiglia.

Il calore del mare
Barone di Villagrande – Malvasia delle Lipari 2011 (Malvasia delle Lipari 95%, Corinto Nero 5%)
Il suo tratto tipico è la fresca nota di albicocca: quando si apre al naso è un’esplosione di sensazioni iodate e salmastre. Gusto contenuto, garbato, così come la dolcezza non eccessiva. Fresco, di buona persistenza, leggero e morbido. Provato come vino da aperitivo con zuppetta di lenticchie e scaglie di pecorino etneo. Ci sta!

Il fuori quota, ancora giovane
Benanti – Etna Rosso Rovittello 2004 (Nerello Mascalese 80%, Nerello Cappuccio 20%)
Nonostante gli anni (una chicca assaggiata in azienda), dimostra intatta tutta la sua freschezza unita ad un’eleganza di gusto e profumo. Rosso granato scarico con unghia aranciata. Profuma di ciliegia rossa in confettura, spezie, cioccolato scuro, tabacco, cuoio, e poi ecco l’anima minerale. E’ un vino profondo, longevo, austero, dal sorso intenso e progressivo, rotondo, in cui spicca la finezza del tannino. Tre aggettivi per definirlo: equilibrato, armonico, dinamico.