etichetta-del-vino-come-scegliere-bottiglia-giustaQuante volte ci siamo trovati alle prese con l’acquisto di una bottiglia di vino, magari per fare un regalo a qualcuno o semplicemente per passare una serata piacevole tra amici, con il timore costante di fare una scelta sbagliata? Se non siete esperti, sicuramente vi sarà capitato.

Come fare allora per orientarsi e scegliere a colpo sicuro? Quando si parla nel nettare di Bacco, puntare solo alla bottiglia dal prezzo più alto non basta: il vino è una questione prima di tutto di gusto e dietro a ogni buona scelta si devono considerare  diversi fattori. Uno di questi è l’etichetta del vino. Certo, non è semplice: il vino è un universo immenso, ma per fortuna, oggi possiamo contare anche sulla tecnologia che, come spesso avviene, riesce a semplificarci la vita.

Prima di acquistare un vino dobbiamo osservare poche semplici cose che, già da sole, possono essere veramente d’aiuto, quali per esempio le indicazioni sull’etichetta del vino, che variano molto in base al tipo di vino, o meglio alla qualità dello stesso. Di solito riguardano produttore, provenienza, annata, allergeni e tasso alcolico ma la notizia più importante che possiamo ricavare dall’etichetta è la denominazione del vino,  fondamentale per capire la qualità. I vini da tavola (Vdt) sono considerati alla base di un’ipotetica piramide della qualità: a volte non si trova nessuna indicazione del vitigno ma solo la menzione del colore.

Poi ci sono i vini Igp (ex Igt) e cioè ad Indicazione geografica protetta, attraverso la cui etichetta si può risalire all’area geografica di provenienza. Le uve che concorrono alla produzione di questi vini devono provenire per almeno l’85% dalla zona Igp. Le bottiglie possono riportare sull’etichetta, oltre all’indicazione del colore, anche l’indicazione del o dei vitigni utilizzati e l’annata di raccolta delle uve.

Di tutt’altro livello qualitativo sono invece i vini a Doc (Denominazione di origine controllata) e soprattutto a Docg (Denominazione di origine controllata e garantita) – oggi definiti anche vini a D.O. o Dop (Denominazione di origine oppure Denominazione di Origine Protetta), secondo la normativa europea del 2010. Per questi vini i controlli sono più rigorosi, la filiera di produzione è controllata e di conseguenza la qualità è migliore.

Va precisato, tuttavia, che esistono sul mercato, per precisa scelta commerciale di vari produttori, anche bottiglie di vini Igp di qualità almeno simile a quella dei vini a Dop.

Già da queste preziose indicazioni in etichetta è possibile iniziare a farsi un’idea ben precisa di quello che si sta per mettere nel bicchiere, ma per informazioni estremamente più dettagliate e di facile comprensione ci viene in soccorso la nostra amica Tecnologia. Numerosi infatti sono gli strumenti che ci permettono di mettere ai “raggi x” il vino che stiamo scegliendo.

Sulle etichette (o retro-etichette) di molte bottiglie ormai è possibile trovare il QR code, un’immagine digitale attraversa la quale possiamo scoprire tantissimi e utili elementi sul vino che intendiamo acquistare: la storia dell’azienda produttrice, il vitigno o i vitigni di origine, la scheda tecnica, gli abbinamenti consigliati col cibo, foto e video. Insomma, di tutto e di più con un semplice click, cliccando direttamente sul QR code con il nostro smartphone.

etichetta-del-vino-QR-code

Foto da www.italgrob.it

Ma non è tutto. Esiste una serie di App ad hoc, per qualsiasi genere di utente: ci sono quelle per i meno esperti, che con una semplice foto all’etichetta del vino permettono di ricevere informazioni a 360 gradi su quella bottiglia; quelle per gli appassionati, che allargano il campo su ricerche per annata e tipi di vitigni; senza contare poi quelle per veri wine lover (vedi Vivino) che, con un semplice click, scelgono all’istante il vino più adatto al proprio gusto attraverso una dettagliata selezione di uve e aromi.

etichetta-del-vino-app-vivino

Foto da www.vivino.com

Johann Wolfgang Goethe secoli orsono affermava “la vita è troppo breve per bere vini mediocri”. Come dargli torto? Oggi abbiamo un mare di possibilità per conoscere il vino nel modo giusto, grazie all’aiuto di esperti del settore, portali online e soprattutto App, semplici, rapide e a portata di mano. Scegliere non sarà più difficile. Ma ricordate sempre di fare molta attenzione a ciò che bevete e basatevi sul gusto prima di tutto: altrimenti anche il vino più pregiato potrebbe rimanere nel bicchiere.