Il 14 febbraio bussa alla porta e, nonostante il gelo di questi tempi, cosa c’è di meglio che un buon vino, leggero, gradevole e – perché no – anche frizzantino, per allietare la festa degli innamorati? Noi perciò vi giriamo due proposte significative che ci arrivano direttamente dal Veneto. La prima è il Chiaretto, il classico vino rosato del Lago di Garda, all’interno della Doc Bardolino.

LogoConsorzioBardolino

Alla vigilia di San Valentino (lunedì 13 febbraio) il Chiaretto rosato sarà di scena a Roma (Palazzo Rospigliosi) nell’ambito della cena di Life of Wine durante la quale si potranno degustare le tipologie Chiaretto e Chiaretto Spumante, come aperitivo “giovane” di “benvenuto”.

Non solo la capitale, ovviamente. L’appuntamento clou sarà a Verona in Love, la kermesse che animerà il centro storico di Verona dall’11 al 14 febbraio dove il Bardolino Chiaretto sarà tra i protagonisti assoluti della manifestazione. Chi vorrà assaggiare la nuova annata troverà l’apposito banco sotto la storica Loggia di Fra Giocondo. Verranno inoltre donate bottiglie di Chiaretto a chi ha prenotato il “sigillo d’amore” della manifestazione e a chi individua i cuoricini vincenti nella pioggia di “coriandoli d’amore” che colorerà la piazza. E poi, non dimentichiamo che Verona è la città di Giulietta e Romeo, gli innamorati per eccellenza.

Bottega Petalo_Cuore

L’altra proposta ci porta nel Trevigiano, con le bollicine soavi di Petalo, il vino dell’amore creato dalla distilleria Bottega. Un prodotto pensato e dedicato a tutti gli innamorati, ai giovani e alle donne. Un vino dichiaratamente poco impegnativo, facile, anche grazie alla bassa gradazione alcolica (solo 6,5°). Accattivante anche il packaging, caratterizzato dall’originale etichetta panciuta, è arricchito da un elegante capsula rosa, pensata per rendere Petalo un romantico pensiero per festeggiare San Valentino e ogni altra ricorrenza. Anche il prezzo è contenuto.

Petalo viene prodotto con le succose uve dei Colli Euganei. In questa zona della provincia di Padova è largamente diffusa la coltivazione delle rose, cosicché durante il periodo della fioritura le api trasmettono alla vite i delicati profumi di questo fiore. Ne consegue che anche il vino fragrante, leggero e piacevolmente dolce, si caratterizza per gli inconfondibili sentori di rosa, ed evoca l‘immagine dei petali. Da qui appunto la scelta del nome.

Links: 

http://www.ilbardolino.com/

www.alexander.it