Un omaggio alla città di Catania, una dichiarazione d’amore gustosa attraverso il piatto più rappresentativo della storia gastronomica del territorio etneo.
La Pasta alla Norma, ricetta conosciuta in tutto il mondo ed ambasciatrice della cultura gastronomica catanese, sarà una delle piacevoli novità dell’edizione 2019 di Cibo Nostrum, la Grande Festa della Cucina Italiana, evento nazionale della Federazione Italiana Cuochi che il prossimo 31 marzo, dalle ore 18,00 alle 23,00, conquisterà e coinvolgerà i giardini storici della Villa Bellini.
A realizzarla sarà l’Associazione Provinciale Cuochi Etnei, capitanata dal suo nuovo presidente, lo chef Angelo Scuderi. Quattro batterie con almeno una ventina di cuochi nel cuore della Villa per cucinare questo piatto storico e omaggiarlo alla città. 
“Tutta l’Associazione è in pieno fermento e non vediamo l’ora di trasmettere a Catania e alla sua gente tutto il nostro amore per questa città e per la nostra professione – dice Angelo Scuderi, neopresidente dei Cuochi Etnei da appena lo scorso gennaio –. Il nostro gesto, oltre che un omaggio, vuole sottolineare come un piatto realizzato con prodotti tanto eccellenti quanto semplici, possa rappresentare in realtà un gusto unico e sia uno dei simboli della nostra terra nel mondo. Il progetto è grandioso e omaggeremo la Pasta alla Norma a quanti, avendo acquistato il ticket di degustazioni, avrà dimostrato di contribuire allo spirito solidale della manifestazione”. 

La Pasta alla Norma sarà l’omaggio dei Cuochi Etnei per tutti coloro che avranno comunque scelto di contribuire alla beneficenza di Cibo Nostrum. Anche quest’anno, infatti, il ricavato dell’evento sarà devoluto in opere di solidarietà: oltre al Dipartimento Solidarietà Emergenze della Federazione Italiana Cuochi, le Associazioni Comunità di Sant’Egidio e  la Locanda del Samaritano.
La Grande Festa della Cucina Italiana torna con una 8^ edizione che si prevede ricca di novità.  Quest’anno le 300 postazioni di cuochi, pasticceri, cantine e aziende agroalimentari saranno ospitate alla Villa Bellini, mentre saranno, come da tradizione, migliaia le berrette bianche provenienti da tutta Italia e dall’estero che prenderanno parte alla Festa gastronomica, proponendo ciascuno, singolarmente o in team, le proprie ricette.