di Germana Grasso
bar-04 Il caffè è un rito, è una coccola quotidiana, è il protagonista del buongiorno all’italiana e il simbolo di un break. Comunque la si interpreti, la tazzina di caffè scandisce le giornate degli italiani. Oggi i bar della penisola offrono un’ampia gamma di servizi al cliente che varca la soglia della porta per degustare una buona miscela. L’offerta si è allargata all’aperitivo, alla pasticceria, allo spuntino di metà mattina, al lunch break ed al business breakfast. “Si punta all’eccellenza, al costo contenuto e – in tempi di crisi – anche alla contaminazione”, ha affermato Andrea Illy durante la conferenza stampa di presentazione della Guida Bar d’Italia del Gambero Rosso 2014. In tempi di crisi, investire nella qualità è un’ardua sfida, ma risulta essere la ricetta vincente per i 1750 esercizi recensiti. Tra questi, oltre cento novità e quattro new entry, oltre alle insegne che festeggiano i dieci anni di “tre chicchi e tre tazzine”, assegnati dal Gambero Rosso. I chicchi si riferiscono alla qualità del caffè: da buono a eccellente. Le tre tazzine, invece, sintetizzano il giudizio complessivo sul locale, includendo offerta, servizio, ambiente, igiene.

Tra i ventuno finalisti di quest’anno, fregiati da “tre chicchi e tre tazzine”, sparpagliati lungo lo stivale dal Piemonte alla Sicilia, la Caffetteria Torinese di Palmanova (Udine) fa la doppietta, aggiudicandosi sia il Premio Illy Bar dell’anno, votato dalla giuria di esperti, sia il premio della giuria popolare, basato sulle preferenze dei lettori raccolte sul sito del Gambero Rosso. La motivazione è stata la seguente: si conferma per la seconda volta nel giro di tre anni, il locale che meglio interpreta il concetto di bar del terzo millennio assommando qualità delle materie prime, originalità dell’offerta, attenzione all’ambiente, capacità di innovazione.

Nella Caffetteria Torinese, Marina e Nereo, infatti, offrono un’ottima pasticceria prodotta nel laboratorio interno, ma non mancano ostriche di Belon, battuta di fassona piemontese, escargot alla bourguignonne, hamburger di fois gras da abbinare alle numerose etichette in cantina.

“Guidato da un gruppo che ha scelto di non adagiarsi su una facile proposta commerciale, privilegiando il rapporto con i piccoli artigiani e i loro prodotti declinati con capacità, passione e un pizzico di sana follia”. Con questa motivazione, invece, la giuria ha insignito della menzione speciale il Bar Liévita di Riccione, un bel locale, aperto da un anno che punta all’autoproduzione, dai mini plum-cake, i muffin e le torte del mattino, fino al pane realizzato con lievito madre, dal classico “sciapo” toscano a quello con albicocche e nocciole. Il lievito è l’inizio di tutto: “Lì-è-vita”, appunto, si diverte a giocare con il nome del suo locale il proprietario Alessandro Battazza.

A questi si aggiungono i cinque caffè storici ed i tre bar dei grandi alberghi, tutti insigniti di “tre chicchi e tre tazzine”, e le undici stelle, cioè quei locali che per almeno dieci anni consecutivi hanno conquistato gli ambiti simboli. Tutti sono accomunati dall’alta qualità dei prodotti, dalla tendenza all’autoproduzione e dall’attenzione all’ambiente ed alla tradizione. 

Infine il Bar d&g Patisserie di Selvazzano Dentro (PD), che coniuga la convivialità tipicamente italiana dell’aperitivo con la qualità e la creatività, aggiungendovi un tocco glamour, si aggiudica il premio Sanbitter & Gambero Rosso.

Ecco i bar d’Italia segnalati nella Guida 2014 del Gambero Rosso:

I finalisti “tre chicchi e tre tazzine”:

Canterino di Biella
Relais Cuba Chocolat Restaurant-Cafè di Cuneo
Neuv Caval’d Brons di Torino
Douce di Genova
Murena Suite di Genova
Sirani di Bagnolo Mella (BS)
Pasqualina di Bergamo
Bedussi di Brescia
Colzani di Cassago Brianza (LC)
Pavé di Milano
Morlacchi di Zanica (BG)
Il Chiosco di Lonigo (VI)
Via delle Torri di Trieste
Nuova Pasticceria Lady di San Secondo Parmense (PR)
Cristalli di zucchero di Roma
Caprice di Pescara
300mila Lounge di Lecce
Irrera di Messina
Di Pasquale di Ragusa.

I caffè storici “tre chicchi e tre tazzine”

Converso di Bra (CN)
Baratti & Milano di Torino
Caffè Mulassano di Torino
Caffè Platti di Torino
Gran Caffè Quadri di Venezia

I bar dei grandi alberghi “tre chicchi e tre tazzine”

Bar Dandolo dell’Hotel Danieli di Venezia
Atrium bar dell’Hotel Four Season di Firenze, Stravinskij Bar dell’Hotel De Russie di Roma.

Le stelle “tre chicchi e tre tazzine”

Converso
di Bra (CN)
Strumia di Sommariva del Bosco (CN)
Baratti & Milano di Torino
Caffè Platti di Torino
Biasetto di Padova
Bar Dandolo dell’Hotel Danieli di Venezia
Zilioli di Brescia
Tuttobene di Campi Bisenzio (FI)
Stravinskij Bar dell’Hotel De Russie di Roma
Caffè Sicilia di Noto (SR)
Spinnato Antico Caffè di Palermo

Links:
www.gamberorosso.it
https://www.facebook.com/pages/Lievita/285285964880111
www.caffetteriatorinese.com
www.degpatisserie.it