Antonio Benanti, 44 anni, dell’Azienda Benanti Viticoltori, è il nuovo Presidente del Consorzio di Tutela Vini  Etna Doc.
Lo ha nominato nella prima seduta il neo eletto Consiglio di Amministrazione che ha affidato la Vice Presidenza a Graziano Nicosia, il più giovane del gruppo, e individuato linee di indirizzo con deleghe operative ai Consiglieri.

Il presidente ha mantenuto per sé le deleghe per lo sviluppo e l’implementazione dei controlli Erga Omnes, l’organizzazione e i rapporti istituzionali con la stampa.
Francesco Cambria (Cottanera) curerà l’area Ambiente, sostenibilità, tutela del Territorio e fonti di finanziamento per la promozione;  Seby Costanzo (Cantine di Nessuno) è delegato alla comunicazione, alle relazioni esterne e verso i soci, marketing, promozione ed eventi;  Alberto Aiello Graci (Graci) seguirà l’area evoluzione disciplinare e normative; Federico Lombardo di Monte Iato (Firriato) sarà il riferimento per la ricerca e i rapporti con università e organismi tecnici, nonché dell’osservatorio sul mercato; Graziano Nicosia (Nicosia) seguirà l’evoluzione dell’enoturismo, la valorizzazione del sistema di accoglienza e la formazione; Piero Portale (Masseria Setteporte) sarà impegnato nei rapporti istituzionali e del territorio, nonché allo sviluppo di servizi per gli associati.

Si avvia, quindi, con determinazione il lavoro del nuovo organo direttivo del Consorzio dopo il confortante esordio al Vinitaly 2018 del grande stand ETNA e il riconoscimento ministeriale della funzione di controllo “Erga Omnes” ottenuti dal Consiglio uscente guidato da Giuseppe Mannino, invitato permanente dal Consiglio di Amministrazione nella qualità di past president.
L’ampia platea dei soci, oggi quasi 120 produttori, sono l’anima di questo Consorzio che ha dato mandato al CdA per consolidare e sviluppare le posizioni ragguardevoli già raggiunte, avendo assunto un collocamento di tutto rispetto nel panorama delle aree vocate alla produzione di vini di eccellenza.
Il Consorzio festeggia nel 2018 i 50 anni della denominazione con 132 contrade a conferma di una diversità con pochi eguali, e si trova di fronte ad una sfida tesa a ricercare innovazione, migliorare continuamente le pratiche di vigneti e cantine e la longevità dei vini prodotti, censire il territorio nei dettagli, rafforzare la rete di relazione con gli stakeholders, onorare la “reputation” di elevatissimo livello che il “brand” ETNA, patrimonio mondiale dell’UNESCO, rappresenta nel mondo con il suo primo posto nel gradimento dei potenziali visitatori dell’Italia.
Tante prospettive e tanto ancora da costruire pongono il Consorzio di Tutela dei Vini Etna Doc come un soggetto di cui si sentirà parlare nei consessi più titolati di esperti, addetti ai lavori e winelovers.

Ad Antonio Benanti e a tutto il nuovo Consiglio di Amministrazione dell’Etna DOC gli auguri di buon lavoro dallo staff di Wining.